L’Algoritmo della Vita

L’Algoritmo della Vita

L’Algoritmo della Vita e La Gioia dello Sforzo

Si partiamo da qui Amata,

Sai in realtà Tutto, in ogni istante, è un flusso, è Spazio Informato… e nel flusso è tutto Nuovo.

Una sensazione che porto con me ancora a volte… sin da bambina… mi ha svegliato stamattina!

Cerca di tradurla…

Mi vengono in mente i quaderni della scuola elementare e poi via via quelli degli altri gradi… gradini scolastici, sempre gli stessi quaderni iniziati e non conclusi… “l’ordine sparso”…

Perché?

Amata quando sei nel flusso, questo è ciò che accade.

Perché?

Perché lo dici tu a Noi.

Perché noi esseri umani cambiamo costantemente e la scrittura è un modo di registrare quello che accade nel momento, ed è chiaro che, per esempio, “il giorno dopo”, “la settimana dopo” quando ci rimettiamo a scrivere e sentiamo che quel quaderno non va più bene… questo accade perché non siamo più gli stessi del “giorno prima” e quel quaderno simbolicamente non va più bene!

Perfetto ma ciò che ti disturba non è questo vero?

No! Ciò che mi disturba sono i buchi che sento nella mia istruzione scolastica.

Sei certa di avere buchi?

Partiamo dalla matematica?

È l’ambito che più di ogni altro senti mancante di…?

Si

Sei certa?

Credo di sì.

Immagina che ora Noi ti chiediamo di risolvere delle equazioni.

Di Logica?

No di matematica… cosa provi?

La prima cosa che ho sentito è stata un po’ di energia stagnante. Energia bloccata sul corpo fisico, anzi su tutti i corpi come se si fosse fermato tutto… dentro e fuori da me.

Poi?

Poi è giunta “L’idea”, il pensiero, di non essere in grado di risolverla.

Perché?

Perché ricordo le difficoltà passate…

Bingo!

Bingo perché affronto il presente con il passato?

Esattamente, è quello il buco!

Nel presente tutto fluisce, i buchi sono solo stasi, blocchi energetici causati da “mancanza di presenza”.

Se ora in questo momento ci fosse la necessità di fare un’equazione matematica e risolverla, chiaramente saresti in grado di farlo, perché quando siete in presenza Voi, accedete consapevolmente a tutto ciò che vi è utile per la vostra evoluzione, attraverso il cervello quantico.

Come accade a tutti gli esseri viventi di qualsiasi natura essi siano, in virtù della vostra realtà olografica.

Quindi è la mancanza di presenza a determinare i problemi reali nella nostra vita quotidiana?

Si Amata come sempre.

I Ricordi in questo, che parte hanno? Che forza hanno?

Dillo tu…

I Ricordi “fissano, cristallizzano, fermano” se non sono vissuti nel “presente-futuro”, e cioè in quella zona che chiamiamo Maestra!

Bingo Bingo!

Perché il presente quando è vissuto in presenza è fluido e tutto scorre.

La direzione è il futuro perché è da lì che vi arrivano le informazioni inerenti, alla vostra evoluzione.

Quelle informazioni che poi noi seminiamo nel presente.

E ogni giorno nutriamo quelle informazioni come fossero dei semi, con le nostre azioni…ed ancora prima con i nostri pensieri… ed è il passato che crea l’humus, il nutrimento adatto a quel seme, a quei semi a quelle informazioni… per crescere e trasformarsi in futuro-presente ogni giorno.

Esattamente Amata l’hai descritto correttamente… l’Algoritmo della Vita.

Quando nascono i problemi che possono seccare quei semi e trasformare le possibilità in nulla?

In nulla?

Sì.

Perché nulla?

Pensa a quando pianti i semi nel semenzaio… alcuni germogliano e diventano piante, altri no.

Così è per le possibilità, le informazioni del futuro… alcune si realizzano altre no.

Esatto, quelle che non si realizzano, esattamente come i semi non germogliati, diventano humus necessario per avere un terreno ricco e produttivo… poiché tutto è Energia.

Quindi anche il nulla è Energia?

Sì, perché il nulla com'è comunemente pensato non esiste!

Tutto è per l’appunto Energia…

Il nulla che fa vi fa sentire il vuoto dentro e fuori, percepire i buchi…come li hai descritti tu… è solo un passato che viene congelato in idee fisse e immobili. Che diventano poi schemi di comportamento automatico.

Per esempio “non sono brava in matematica”… proprio tu poi che ti sei laureata in logica ci vieni ancora a dire queste cose?

Hai visto, lo hai sperimentato  ogni volta che ti sei impegnata, sforzandoti anche a fare cose non ti piacevano da impazzire, hai ottenuto sempre brillanti risultati…

Questo è vero, ma che fatica!

La fatica c’è sempre Amata…

Perché?

Perché è parte del Gioco della Vita…ma quella sana, bella fatica, la fatica dello sforzo è una meraviglia non trovi?

Assolutamente si!

Cos'è quel sorriso così bello che hai stampato in viso?

La Gioia, ho sentito la Gioia dello sforzo, di tutte le volte che mi sono preparata per un esame, per una gara sportiva, che meraviglia la Gioia, scorre! Mi è venuto in mente il viso di Pierre de Coubertin…

(Pierre de Frédy, barone di Coubertin, chiamato Pierre de Coubertin, è stato un dirigente sportivo, pedagogista e storico francese, conosciuto, per essere stato il fondatore dei moderni Giochi olimpici.)

E ciò che diceva a proposito della Gioia dello sforzo…

“Lo Spirito Olimpico cerca di creare uno stile di vita basato sulla gioia dello sforzo, sul valore educativo del buon esempio e il rispetto universale dei principi etici fondamentali.”

Ecco Amata il segreto è Tutto qui… cercare e trovare sempre la Gioia in ogni pensiero, in ogni azione, in ogni respiro e il Gioco è fatto…I Buchi non ci sono più, il passato cristallizzato si scioglie e diventa semplicemente humus che nutre, che radica e Tutto Scorre!

Grazie Amati Grazie davvero!

Che meraviglioso modo di Iniziare ogni Giornata!

E pensa un po’…

A cosa?

Al fatto che questo sarà il primo “Racconto”… da mettere sul tuo Blog.

Il titolo?

L’Algoritmo della Vita e La Gioia dello Sforzo

Grazia e Gioia


Stampa   Email

Articoli correlati